lunedì 23 febbraio 2009

Rapporto israeliano contro Israele: «Illegali le colonie in Cisgiordania»

Rapporto israeliano contro Israele: «Illegali le colonie in Cisgiordania»

Simonetta Cossu

Liberazione del 20/02/2009

Quasi tutti abusivi gli insediamenti nelle terre dei palestinesi

Hanno provato a censurarlo e se potessero lo distruggerebbero, ma il rapporto Spiegel è lì e non può essere cancellato. Già nel marzo 2005 un rapporto della giurista Talia Sasson aveva rivelato che il ministero della Difesa forniva (e fornisce) appoggio diretto agli insediamenti, nonostante alcuni di questi siano illegali anche per la legge israeliana.
Ed ecco che oggi spunta un nuovo rapporto che però a differenza di quello Sasson è ufficiale e fotografa in modo quasi scientifico il furto di terra palestinese ad opera degli insediamenti ebraici, rivelando che anche quelli che si ritenevano legali sono in parte o totalmente avamposti illegali.
Il rapporto che è stato reso pubblico a fine gennaio dal giornalista Uri Blau sul settimanale Haaretz , documenta in modo dettagliato come scuole, sinagoghe, e anche commissari di polizia sono stati costruiti su terreni di proprietà privata palestinese.
Ma come detto la caratterstica principale del documento è la ufficialità.
Redatto nel 2006 da un consigliere speciale dell'allora ministro della Difesa Shaul Mofaz, prende appunto il nome da suo estensore: il generale Baruch Spiegel. Vi raccontiamo come è nato e cosa dice.
Dopo il rapporto Sasson il ministro della Difesa Mofaz decise che era giunto il momento di mettere ordine, quello che serviva era raccogliere informazioni credibili e reali per contestare le eventuali azioni legali che i proprietari palestinesi, le organizzazioni umanitarie e pacifiste avrebbero potuto avanzare sulla legalità degli insediamenti.
Nominato nel gennaio 2004 come consigliere dal ministo Mofaz, il generale Baruch Spiegel ricevette diversi incarichi. Innanzitutto gestire alcuni problemi sui quali Israele si era impegnata con gli Stati Uniti. Come quello di migliorare le condizioni di vita dei palestinesi che vivevano nei pressi del muro di separazione e supervisionare i militari posizionati ai checkpoints. Ma il suo vero compito era principalemente un altro: creare la banca dati sugli insediamenti. L'amministrazione israeliana capì che Stati Uniti e una organizzazione pacifista come Peace Now erano a conoscenza di informazioni molto più dettagliate di quelle in possesso al ministero della Difesa. Non era un caso. Di fatto le amministrazioni israeliane per decenni hanno preferito non sapere troppo di quanto accadeva in quel'area.
Ed è così che il generale Spiegel e il suo staff, dopo aver firmato un accordo che gli imponeva la segretezza, si sono messi al lavoro e hanno incominciato a raccogliere informazioni.
Risultato di questa ricerca è stato alla fine l'antitesi di quello che si voleva produrre e di fatto rappresenta una vera e propria bomba politica per il governo israeliano. Per la prima volta una mappatura degli avamposti ebraici rivela quello che per decenni si era voluto nascondere.
Incominciamo con alcuni numeri. Oltre al gran numero di terreni requisiti senza titolo, ad esempio in più di 30 colonie complessi edilizi e infrastrutture come strade, scuole, sinagoghe e stazioni di polizia sono avvenute su terreni di proprietà di privati cittadini palestinesi. Il 75% delle costruzioni che si trovano sugli insediamenti sono state portate a termine senza permessi o addirittura in violazione di questi. Ma quello che rivela il rapporto Spiegel non è solo l'illegalità degli insediamenti, già in parte rivelata dal rapporto Sasson, ma quello che è il vero cuore dell'impresa che c'è dietro le colonie.
Le informazioni contenute nella banca dati non sono conformi infatti alle posizioni prese ufficialmente dal governo di Israele. Ad esempio sul sito del Ministero degli Esteri si legge «Le azioni di Israele relative all'uso e alla distribuzione della terra sono prese nel rispetto delle leggi e delle norme di diritto internazionale. Israele non requisisce terreni privati per insediare nuovi insedimenti». Cosa che stride con il fatto che in molte colonie è il governo, principalmente attraverso il Ministero per la casa e l'edilizia, ad essere il principale responsabile dell'edilizia. Avendo scoperto che molte delle violazioni riguardavano l'edificazione di strade, uffici pubblici e simili, la banca dati prova la responsabilità del governo centrale per il mancato rispetto della legge e dei controlli.
A confermare che il materiale raccolto è esplosivo è stato lo stesso Spiegel che ha dovuto ammettere cosa ha catalogato: informazioni scritte supportate da foto aeree, stratografie fornite dal sistema informatico geografico che indicano lo status dei terreni, legale e reale. I confini reali degli insediamenti. I piani urbanistici delle città, i documenti del governo che approvano le colonie.
Le informazioni contenute nel rapporto Spiegel sono rimaste segrete per mesi, la ragione impugnata dal governo è stata che renderle pubbliche avrebbe minato la sicurezza di Israele e messo a rischi le sue relazioni internazionali. Cosa facile da comprendere se si pensa alle innumerevoli volte che i premier israeliani si sono impegnati a fermare l'espansione delle colonie.
Le responsabilità per le violazioni delle leggi nazionali ed internazionali che sono registrate nel rapporto riguardano quasi tutti i governi degli ultimi anni. Per citare solo gli ultimi, da Tipzi Livni, attuale leader di Kadima, che è stata per anni a capo della commissione ministeriale nominata perchè si implementasse quanto era stato rivelato dal rapporto Sasson all'ultimo ministro della Difesa, il laburista Barak che si è opposto alla richiesta del Movimento per la Libertà di Infromazione e di Peace Now di pubblicare il rapporto. Il caso è ora in attesa di un pronunciamento del tribunale amministrativo di Tel Aviv che dovrà decidere se il governo viola la legge non rendendo noto il rapporto Spiegel.
Ma bastano quelle poche informazioni che sono filtrate per capire che per Israele diventa veramente difficile chiedere ai palestinesi di dimostrare trasparenza nella loro lotta contro le basi del terrorismo mentre nasconde al mondo intero quanto ha fatto con gli insediamenti. O stando alle parole che George Mitchell (oggi inviato di Obama) scrisse nel suo rapporto del 2001: «Il tipo di cooperazione sulla sicurezza che il governo di Israele richiede non può cooesistere con l'attività degli insediamenti».
Nel 2008 stando alle rilevazioni fatte da Peace Now sono state costruite 1,518 nuove strutture (principalmente quelle che vengono definite caravans, abitazioni in containers). Di queste 261 sono in avamposti illegali. Inoltre sempre nel'ultimo anno si sono gettate le basi (infrastrutture, lavori con macchinari di terra) per la costruzione di 63 nuove strutture. L'organizzazione pacifista denuncia inoltre che durante l'ultimo assedio a Gaza molti insediamenti hanno colto l'occasione per espandersi. Alla faccia degli impegni presi da Israele di fermare i coloni.

Nessun commento: